Oggi torniamo ancora una volta sull’argomento Android Q e sulle sue funzioni. Poco dopo il Google I/O 2019, il team di Android Police ha subito individuato una funzione nascosta chiamata “Adaptive Sleep”. Allora il team incuriosito si è rivolto ai dipendenti di Google per delle delucidazioni. Questi ultimi hanno confermato la presenza di questa funzione spiegando che è un’impostazione per gli OEM (produttori di smartphone) che vogliono implementare nei propri software un comportamento di stay-awake durante l’utilizzo del dispositivo. 

Nell’ultima Beta di Android Q, la Beta 4, questa funzione non fa più parte solo del codice, ma è diventata una funzione a tutti gli effetti. Infatti ora ha Il proprio menù, il proprio video e il proprio nome: “Screen Attention”

 

In base al codice, la funzione Screen Attention, impedirà lo spegnimento dello schermo mentre lo si guarda. Tutto questo è reso possibile dalla fotocamera frontale che monitorerà l’utente, capendo se quest’ultimo guarda lo schermo o meno. Questo è simile alla funzione Smart Stay di Samsung che è stata utilizzata per anni sugli smartphone Galaxy.

Secondo il codice, servono solo due requisiti per abilitare Screen Attention:

  1. Il valore del boolean framework config_adaptive_sleep_available deve essere impostato su true.
  2. L’app chiamante deve avere dato il consenso al permesso android.permission.CAMERA.

Questi requisiti sono facilmente soddisfatti dalla maggior parte dei dispositivi Android, quindi non si è sicuro del motivo per il quale la funzione non sia già accessibile agli smartphone Google Pixel. È possibile che Google stia conservando questa funzione per un debutto su Pixel 4. Dopo di che la società lo abiliterà su altri dispositivi Pixel. Inoltre resta ancora da capire come questa funzione possa essere utilizzata sugli smartphone con fotocamera pop-up o rotante.