Martedì Google ha svelato una funzione che consentirà alle persone di usare il proprio telefono sia per trascrivere sia per tradurre una conversazione in tempo reale in una lingua che non viene parlata. Lo strumento sarà disponibile per l’app Google Traduttore nei prossimi mesi, ha affermato Bryan Lin, un ingegnere del team Translate.

Al momento la funzionalità è in fase di test in diverse lingue, tra cui spagnolo, tedesco e francese. Lin ha affermato che l’informatica avverrà sui server di Google e non sui dispositivi delle persone.

Il colosso della ricerca ha annunciato lo strumento in occasione di un evento stampa a San Francisco, in cui la società ha mostrato altri progetti di intelligenza artificiale, tra cui iniziative nel campo della tecnologia sanitaria e dei controlli tattili per i tessuti.

EXAMPLE GOOGLE TRADUTTORE

Una demo della funzionalità di google traduttore all’opera

Big-G ha anche parlato molto recentemente di come l’IA dovrebbe essere sviluppata in futuro. Sundar Pichai, CEO di Google e Alphabet, ha dichiarato la scorsa settimana che pensa che l’IA debba essere regolata, per prevenire le potenziali conseguenze negative di cose come i deepfake e il riconoscimento facciale. “Non ho dubbi sul fatto che l’intelligenza artificiale debba essere regolata”, ha scritto Pichai in un editoriale per il Financial Times. “È troppo importante non farlo. L’unica domanda è come affrontarlo.”

LEGGI ANCHE: Pixel Buds 2 | Arrivano nuove notizie

All’evento, Google ha anche presentato in anteprima alcune altre iniziative di IA. Un progetto si chiama I / O Braid, che consente alle persone di controllare un dispositivo interagendo con un cavo. Ad esempio, è possibile avviare, arrestare e controllare il volume della musica sul telefono torcendo o pizzicando il filo di tessuto degli auricolari. Un altro progetto, parte di Google Health, mirava a cercare di rilevare l’anemia nei pazienti.

Conclusioni Google Traduttore

Al momento la funzionalità è in fase di test in diverse lingue, tra cui spagnolo, tedesco e francese e, secondo quanto affermato da Bryan Lin, ingegnere impegnato nel progetto, ci vorranno ancora alcuni mesi prima che lo strumento di traduzione possa essere implementato nell’applicazione Android.