Come ben sappiamo negli ultimi sviluppi il colosso cinese Huawei ha avuto dei diverbi con il presidente degli usa Donald Trump. Che, inizialmente, ha impedito alla società di avere accordi con google e di importare sul mercato americano i componenti e i dispositivi Huawei. Poi, successivamente, ha accordato con il presidente cinese Xi Jinping il poter tornare a vendere tecnologie e apparecchiature. Ma nonostante questo alcune compagnie americane come Google, Qualcomm, hanno sospeso  il business con Huawei. Per poi in caso riprenderlo, in forma limitata, solo dopo che alla società cinese sarà garantito una “temporanea licenza generale”. Persino alcune società stabilite in Gran Bretagna sono state vittima di queste restrizioni commerciali. Grazie a queste restrizioni la Società cinese Huawei e i suoi smartphone hanno previsto un calo di prezzo del 40-60% a livello internazionale di tutti i loro smatphone.

Con le varie divergenze tra USA e Cina siamo arrivati al punto in cui entra in gioco Microsoft.

Il caro Microsoft con l’ultimo accordo ha garantito al colosso cinese, secondo alcuni report di Reuters, una licenza dall’US Department of Commerce per esportare a “Mercato di massa” software a Huawei. Microsoft però ha rifiutato di commentare questa sua mossa e che prodotti sono stati approvati, e a sua volta anche il Settore del Commercio dell’azienda appunto.

Però non è ancora noto se in questa fase è stata garantita a Google una licenza.

Restiamo aggiornati e vedremo cosa ancora Huawei avrà in serbo per continuare la produzione dei suoi smartphone.