Un nuovo interessante brevetto vede Xiaomi protagonista di un nuovo smartphone con una doppia fotocamera nascosta sotto al display. Quindi pare che ora non sia solo Samsung a sperimentare nuovi modi di nascondere una fotocamera sotto il display. Come possiamo apprezzare dall’immagine sottostante, pare che il colosso cinese stia lavorando per integrare i sensori a livello della porzione centrale del display. Più o meno dove attualmente troviamo i sensori di prossimità e luminosità. 

Come ben sappiamo è stata la Samsung a padroneggiare per prima la tecnologia della fotocamera sotto il display. Pare però che Xiaomi sia sulla stessa linea d’onda del colosso sud coreano. È probabile che l’azienda cinese utilizzi una tecnologia simile alla UDC di Samsung, dove l’azione combinata di una serie di laser è in grado di perforare il pannello OLED per l’inserimento delle fotocamere “punch-hole” presenti nei top di gamma di Samsung (S10, S10+, Note 10, Note 10+). 

Ma non si tratta solo di una sfida ingegneristica. Xiaomi dovrebbe munire lo smartphone con un software estremamente complesso per quanto riguarda la gestione delle fotocamere. È ormai noto che le immagini scattate dalle fotocamere poste al di sotto del display necessitano di un processo di pulizia per nulla banale, pensato per eliminare la fastidiosa patina giallognola presente in ogni foto scattata dalle fotocamere poste al di sotto del display.